1990 – 1993 Palinsesti

Quali e quante sono le situazioni del pensiero che convivono contemporaneamente in ogni istante della nostra esistenza, e che vaghe possibilità abbiamo di rappresentarne almeno una parte?

Nei Palinsesti sovrappongo diverse scritture (non significanti) sulla stessa superfìcie e in questa coincidenza spazio-temporale ritrovo l’uomo nella sua totalità e peculiarità. Traccio segni e scritture non per rappresentare, ma per fermare me stesso su una pagina-tempo. Se è vero che anche questo diventerà racconto o diario, sarà solo perché tutto quello che ha fatto l’uomo, compresa la prima impronta lasciata sulla sabbia, è rimasto nella nostra memoria, anche se tanti venti ne hanno cancellata l’immagine.

Share this article

Interno / Esterno