2002 – 2009 Oltre la soglia

È ancora difficile per me un’analisi lucida di questi quadri, in quanto è da poco tempo che sono entrato in questa nuova fase di ricerca.

Posso dire che c’è in loro un elemento di novità ed è la comparsa di un’altra superficie, che invade o interrompe il racconto dell’opera.

Esiste la consapevolezza del reale, che rappresento come ho sempre fatto, sviluppando un tema con segni e forme, questo significa la soglia di emozioni a me consuete.

Contemporaneamente esiste tutto quello che non conosco sull’uomo e la sua vita.

Rappresento con una superficie nera tutto quello che sta oltre la coincidenza temporale dell’esistenza dell’uomo prima della nascita e dopo la morte, il vuoto e il buio, la limitatezza del nostro pensiero rispetto a quell’infinita-mente grande che è tutto ciò che non sappiamo.

E così, quando nel dipinto il reale frange contro questa soglia, il racconto si esaurisce, si interrompe o si annulla.

Share this article

Interno / Esterno